Banner Cooperazione Italia-Serbia

ISPA (Strumento per le politiche strutturali per la preadesione)

Ispa è uno dei tre strumenti finanziari (assieme a Phare 2000 e Sapard) che si occupano dell’assistenza ai Paesi candidati nella loro adesione all’Ue. In particolare, Ispa (che scade nel 2006) opera in materia di ambiente e infrastrutture ed i meccanismi relativi alla sua applicazione si rifanno direttamente a quelli propri dei Fondi Strutturali e del Fondo di Coesione. Ispa nasce per favorire il conseguimento degli obiettivi stabiliti nei Partenariati per l'Adesione di ciascun Paese candidato e alla realizzazione dei corrispondenti programmi nazionali relativi all’ambiente e alle infrastrutture nel settore dei trasporti. Sono previste: misure ambientali finalizzate a permettere ai Paesi beneficiari di conformarsi alle esigenze del diritto comunitario in materia di ambiente e agli obiettivi dei partenariati per l'adesione; misure nel campo delle infrastrutture di trasporto, coerenti con i partenariati per l'adesione per il completamento delle reti transeuropee (Ten) e per l'accesso a tali reti. Sono finanziabili progetti, fasi di progetto tecnicamente e finanziariamente autonome, gruppi di progetti o schemi di progetti nel settore dell'ambiente o in quello dei trasporti.
Ispa coinvolge tutti i Paesi dell'Ue a 25, oltre a Romania, Albania, Bosnia ed Erzegovina, Croazia, Serbia e Montenegro ed ex Repubblica yugoslava di Macedonia, Croazia, Bulgaria. 
Le autorità beneficiarie dei Paesi candidati propongono i progetti da realizzare (che devono rientrare nel piano di investimento adottato dal Paese candidato e approvato dalla Commissione) al loro Coordinatore Nazionale Ispa, il quale li presenta alla Commissione. Tali proposte vengono esaminate dalla Commissione ed eventualmente discusse con gli Stati interessati. Se ritenuti ammissibili i progetti sono sottoposti al parere del "Comitato di gestione", composto da rappresentanti degli Stati membri. Ricevuto il parere positivo dello stesso, la Commissione approva il progetto e fa firmare al Paese interessato un Memorandum Finanziario, sulla base del quale le Agenzie esecutive di riferimento possono pubblicare gare d'appalto, assegnare i contratti e controllarne la realizzazione. Sulla base dei progetti approvati le agenzie di riferimento del programma pubblicano sulla Guce serie S bandi e gare d'appalto per la realizzazione di attività e assistenza tecnica.

Commissione europea
http://europa.eu.int/comm/index_it.htm
www.europafacile.net

 

©2007 Unioncamere | Piazza Sallustio 21 | 00187 Roma | Codice Fiscale 01484460587 | Partita IVA 01000211001